Skip to main content

Uccio

1
Uccio
1
Uccio posted a Thought

pietro bembo
(Venezia 1470 - Roma 1547), scrittore, studioso e lessicografo italiano. Studiò a Firenze, Messina e Padova; dopo sei anni trascorsi alla corte di Urbino, nel 1512 passò a Roma come segretario di papa Leone X e nel 1539 fu nominato cardinale da Paolo III. Fu storiografo della città di Venezia (si ricorda in particolare l'opera Rerum Veneticarum Libri XII, una storia di Venezia in tredici libri, d… Read more
1
Uccio posted a Thought

Salernitano masuccio
(Sorrento o Salerno 1410 ca. - Salerno 1475), scrittore italiano. Nato dalla nobile famiglia dei Guardati (il padre fu segretario di Raimondo Orsini, principe di Salerno), Tommaso, detto Masuccio, frequentò intellettuali e funzionari della Napoli aragonese, fra i quali Giovanni Pontano, e quando Roberto Sanseverino acquisì la signoria salernitana nel 1463 lo seguì come segretario.
Lasciò un’unic… Read more
1
Uccio posted a Thought

Arcadia
Il capolavoro di sannazzaro, l'Arcadia (prima redazione 1501, seconda redazione ampliata 1504), costituisce il primo esempio di romanzo pastorale, tipico prodotto della cultura di corte, nuovo genere di sapore classicheggiante ispirato in particolare a Virgilio. Quest'opera in parte autobiografica, nella quale l'autore interviene in prima persona nei panni del pastore Sincero (Actius Sincerus era… Read more
1
Uccio posted a Thought

Jacopo sannazaro
(Napoli 1456-1530), poeta e umanista italiano. Nel 1501 si colloca l'episodio centrale della sua vita: l'esilio volontario in Francia a fianco del suo signore, Federico III d'Aragona, in seguito all'occupazione francese di Napoli; tornò in patria nel 1505, alla morte di Federico, per trascorrere il resto dei suoi giorni nella villa di Mergellina donatagli dal sovrano. Questa data rappresenta una … Read more

mattiacasillo2013 -

A Napoli ho abitato per trenta anni vicino al luogo dove è seppellito Sannazzaro,ed abitavo in Piazza Sannazzaro.


1
Uccio posted a Thought

Il pontano
il pontano fu uno dei maggiori interpreti della cultura umanistica che trovava espressione nella ristretta cerchia dei sapienti raccolti in quell’accademia che avrebbe poi preso il suo nome e di cui fornì un quadro vivacissimo in cinque dialoghi, le sue prose più originali: Charon (1467), descrizione satirica dell’oltretomba; Antonius (1488), celebrazione del Panormita in forma di satira menippea… Read more
1
Uccio posted a Thought

un omaggio encomiastico alla stirpe estense
Svolse attività diplomatica a Roma e a Napoli, ed ebbe incarichi amministrativi (come capitano di Modena) tra il 1480 e il 1483. In questo periodo maturò l’intenzione di scrivere un poema di genere cavalleresco che risultasse anche un omaggio encomiastico alla stirpe estense. L’idea, favorita dall’interesse che il nobile pubblico di Ferrara tributava alla tradizione cavalleresca, in particolare a… Read more

mattiacasillo2013 -

Una delle famiglie più importanti della storia italiana.


1
Uccio posted a Thought

Matteo maria boiardo
(Scandiano, Reggio Emilia 1441-1494), poeta italiano di epoca rinascimentale.
Trascorse la fanciullezza a Ferrara e, dopo aver perso sia il padre sia il nonno con cui aveva vissuto, assunse il titolo feudale legato alla contea familiare di Scandiano, di cui iniziò a disporre assieme al cugino Giovanni. Entrò così in rapporti con il principe Ercole, governatore di Modena, e iniziò a frequentare … Read more
1
Uccio posted a Thought

Rilanciare la letteratura in volgare
Poliziano fu anche un grande poeta in volgare. Riprese il programma, già proprio di Lorenzo de’ Medici, di rilanciare la letteratura in volgare, con “canzoni a ballo” e “canzonette”, rifacendosi, ma con grande sapienza letteraria, alla lirica d’amore popolare. L’innesto dei modi della tradizione linguistica latina sulla grande tradizione volgare traspare in particolare nel poemetto in ottave Stan… Read more
1
Uccio posted a Thought

Scriveva con uguale disinvoltura in latino, greco e volgare,
Poliziano scriveva con uguale disinvoltura in latino, greco e volgare, e lasciò una vasta opera in versi, oltre a numerosi lavori di traduzione dal greco in latino, a cominciare, quand’era giovanissimo, dalle prove di traduzione dell’Iliade di Omero, per continuare con il Manuale di Epitteto (che poi sarebbe stato tradotto in italiano anche da Giacomo Leopardi), con il Carmide di Platone e con La… Read more